Cassazione: “Si può coltivare cannabis a casa”

Sentenza storica della Cassazione sulla cannabis

ACQUISTI

La Cassazione ha stabilito che è legale coltivare delle piante di cannabis nella propria abitazione, qualora le dosi siano per uso personale e siano di quantità ridotta. Si tratta di una sentenza storica, che va a riempire un vuoto normativo riguardo la legalizzazione delle droghe leggere, con le ultime polemiche sui negozi per la vendita di cannabis light, un altro tema al centro delle cronache negli ultimi mesi.

Non è più reato coltivare in casa

Da oggi non sarà più reato coltivare cannabis nella propria abitazione, se le piante sono destinate ad uso personale. “Non costituiscono reato le dosi minime e all’interno delle mura domestiche”, questo si legge sulle motivazioni della sentenza del 19 dicembre della Corte Suprema di Cassazione, che andrà a cambiare la legge attualmente in vigore sulle droghe leggere per uso personale.

Soddisfazione da parte di +Europa, con il segretario Benedetto Della Vedova che scrive sui social: “La svolta sulla cannabis è piena di ragionevolezza”, a lui si aggiunge Riccardo Magi: “Una buona notizia natalizia”.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img