Cosenza, il prefetto Paola Galeone indagata per concussione

Scoperto un tentativo di concussione a Cosenza

ACQUISTI

Il prefetto di Cosenza, Paola Galeone, è stata indagata per concussione dalla Procura di Cosenza, diretta da Vincenzo Spagnuolo, che ha dato mandato agli uomini della squadra mobile di portare avanti le indagini. Secondo quanto è emerso dalle indagini, sarebbe stata richiesta una fattura falsa per poter guadagnare sulle spese di rappresentanza. Questo scambio è stato registrato dagli agenti della squadra mobile e dunque le prove dell’accusa sono molto rilevanti. Gli agenti sarebbero riusciti ad arrivare ad una conclusione delle indagini grazie alla collaborazione di un’imprenditrice che si è prestata all’inchiesta.

Il prefetto avrebbe chiesto all’imprenditrice di emettere una fattura falsa da 1.220 euro, in maniera tale da poter inserire questa cifra all’interno del fondo di rappresentanza, il quale è gestito dal Viminale e messo a disposizione di tutti i prefetti in Italia. Ci sarebbe stata una parte di soldi che sarebbe finita nelle tasche dell’imprenditrice, con 500 euro che sarebbero stati dati da Paola Galeone con una mazzetta. Questi soldi dovevano essere consegnati in un luogo pubblico, in un bar di Cosenza, secondo gli accordi tra le due donne. L’imprenditrice ha così fatto finto di accettare i soldi in cambio, ma ha presentato denuncia in Questura, facendo iniziare le indagini sul prefetto.

La consegna del denaro è stata registrata dagli uomini della squadra mobile, i quali hanno fornito un registratore audio all’imprenditrice per capire come si sarebbe svolto lo scambio.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img