Inquinamento, stop circolazione al Nord Italia

Emergenza inquinamento nel Nord Italia a causa delle polveri Pm10

ACQUISTI

A causa dell’innalzamento delle polveri sottili che sta imperversando il Nord Italia ci sarà un comune stop alla circolazione nelle tre maggiori Regioni: Veneto, Lombardia e Piemonte hanno fermato la circolazione dei mezzi fino ad euro 4. Nella città di Torino dal 2 gennaio è stato reso obbligatorio lo stop ai veicoli fino ad euro 4, a causa delle polveri sottili sopra la soglia di allerta. A causa dell’assenza di piogge o vento, potrebbe essere necessario estendere lo stop anche ai veicoli Euro 5 immatricolati prima del gennaio 2013. Complessivamente ci sono 320 mila veicoli diesel Euro 5 che potrebbero essere bloccati dalla circolazione. Oltre alla provincia di Torino, dove c’è l’allerta rossa, a causa degli allarmi delle polveri sottili sopra i dieci giorni, molti comuni piemontesi hanno l’allerta arancione (Asti, Alessandria, Casale, Tortona, Novi Ligure, Vercelli, Novara e Trecate).

Emergenza polveri sottili a Milano

Anche nel Comune di Milano si è evidenziata un’emergenza di polveri Pm10 con 45,8 microgrammi per metro cubo, anche se secondo gli ultimi dati risulta in calo. Lo stop della circolazione è stato revocato oggi nei comuni di Monza, Bergamo, Pavia e Vigevano, mentre resta in quelli di Como e Cremona.

Stop anche a Padova

Stop ai veicoli diesel fino a Euro 4 anche a Padova, un provvedimento che riguarda circa 73 mila veicoli, con l’allerta arancione in atto, a causa dei quattro giorni consecutiva di allerta Pm10. I livelli di Pm10 sono quasi il doppio delle soglie consentite, con 91 a Mandria ed 85 nel quartiere Arcella. Anche nella provincia di Venezia è scattato l’allarme Pm10, con il governatore Luca Zaia che ha difeso i roghi per l’epifania, contro la posizione dei medici, che li avevano sconsigliati.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img