Autostrade, De Micheli: “Revoca concessioni se non abbassano pedaggi”

Chiesto ufficialmente l'abbassamento dei pedaggi ad Atlantia

ACQUISTI

Continua lo scontro tra il Governo e Atlantia, la società che gestisce Autostrade, con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, che è intervenuta a riguardo con critiche alla compagnia. La revoca delle concessioni era stata proposta dal Movimento 5 Stelle subito dopo la caduta del ponte Morandi, durante il primo Governo Conte, posizione che è stata portata avanti dagli esponenti grillini e con questa maggioranza che sembra pronta a procedere nei confronti di Autostrade, soprattutto dopo le inchieste giudiziarie ed il crollo di un soffitto di una galleria dell’A26. Il titolo di Atlantia è caduto in Borsa nelle ultime settimane, arrivando a raggiungere anche il -4% per le dichiarazioni degli esponenti dell’esecutivo, che hanno espresso più volte pareri favorevoli alla revoca.

“Abbassino i pedaggi”

Il ministro De Micheli ha chiesto ufficialmente ad Atlantia di abbassare i pedaggi di Autostrade: “Se non vogliono la revoca delle concessioni abbassino i pedaggi”, ha sottolineato l’esponente del PD. Nelle ultime settimane era stato posto il dubbio sui costi destinati alla manutenzione da parte di Atlantia, a fronte di utili per circa un miliardo di euro. Ora il Governo sembra andare sulla strada della riduzione dei pedaggi, lasciando da parte per il momento la questione legata alla manutenzione delle strade.

Il caso Alitalia

Atlantia è stata coinvolta anche nella cordata per Alitalia nei mesi scorsi, una mossa che ha fatto discutere, per i conflitti di interesse della compagnia e per le questioni che potevano essere conflittuali. Il premier Conte aveva escluso ogni possibile “commistione” delle due faccende, ma nelle ultime settimane Atlantia si è tirata indietro su Alitalia, creando problemi alla maggioranza.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img