Usa 2020, ultimo dibattito dei democratici

Si avvicina il voto in Iowa del 3 febbraio 2020

Da leggere

Coronavirus. Speranza, misure estese almeno fino a Pasqua. Annuncio dopo Consiglio dei Ministri

Con ogni probabilità le misure restrittive per contenere il coronavirus in Italia saranno prorogate fino a...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 30 marzo: 11.591 morti totali, 101 mila positivi

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha fornito gli ultimi dettagli sul coronavirus di questa giornata....

Coronavirus, “pieni poteri” ad Orban in Ungheria: polemiche

L'opposizione ungherese ha polemizzato per le misure prese dal premier Victor Orban, che ha chiesto ed ottenuto...
Andrea Palci
Laureato in Economia, esperto di politica, economia, sondaggi elettorali ed altri argomenti economici legati alla politica nazionale ed internazionale. Nato a Roma con interesse anche per scienza e spettacoli. -- via Nomentana 21 00161, Roma -- tel 393 4439344

SEGUICI SUI SOCIAL

1,887FansLike
2,295FollowersFollow
361FollowersFollow

Si è tenuto l’ultimo dibattito dei democratici, il settimo dall’inizio della campagna elettorale per le prossime elezioni presidenziali della Casa Bianca. Il primo voto delle primarie si terrà in Iowa il prossimo 3 febbraio, con alcuni scontri interni che sono nati all’interno dei democratici, specialmente tra Elizabeth Warren e Bernie Sanders, i quali hanno avuto una polemica pubblica portata avanti negli ultimi giorni. Sanders, infatti, avrebbe detto lo scorso anno che una donna non avrebbe vinto le presidenziali del 2020. I due non si sarebbero nemmeno stretti la mano alla fine del dibattito, segno di una situazione tesa, con entrambi in corsa per le presidenziali.

Sanders ha smentito di aver detto che una donna non avrebbe mai potuto vincere le presidenziali del 2020, ma Elizabeth Warren ha rivendicato di aver vinto in ogni elezione alla quale ha partecipato, “a differenza di Sanders”. L’esponente democratico ha spiegato che nel 2016 Hillary Clinton ha ottenuto la maggioranza del voto popolare.

Tra i temi affrontati c’era quello sul Medio Oriente e sulla possibilità di ritiro delle truppe americane. Tutti i candidati si sono ritrovati d’accordo sull’evitare “guerre senza fine”, con Sanders che è andato all’attacco di Biden sulla guerra in Iraq, mentre quest’ultimo ha spiegato come lui sia il candidato migliore per gestire la crisi geopolitica che è nata negli ultimi mesi, rivendicando il suo ruolo come vicepresidente nell’amministrazione Obama.

SEGUICI SUI SOCIAL

1,887FansLike
2,295FollowersFollow
361FollowersFollow

Ultime notizie

Coronavirus. Speranza, misure estese almeno fino a Pasqua. Annuncio dopo Consiglio dei Ministri

Con ogni probabilità le misure restrittive per contenere il coronavirus in Italia saranno prorogate fino a...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 30 marzo: 11.591 morti totali, 101 mila positivi

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha fornito gli ultimi dettagli sul coronavirus di questa giornata. Ci sarebbero alcuni segnali di...

Coronavirus, “pieni poteri” ad Orban in Ungheria: polemiche

L'opposizione ungherese ha polemizzato per le misure prese dal premier Victor Orban, che ha chiesto ed ottenuto dal Parlamento i "pieni poteri"....

Coronavirus, iniziati i test su cinque vaccini italiani: risultati a maggio

Sono iniziati i test su cinque vaccini italiani per il Covid-19, che dovrebbero proteggere dal coronavirus ed evitare quindi il presentarsi dei...

Olimpiadi di Tokyo rinviate al 23 luglio 2021

Sono state pubblicate le date ufficiali per le Olimpiadi di Tokyo 2020, che si terranno il prossimo anno a causa dell'emergenza da...
realizzazione siti web economici wolfseo

Altri articoli