Roma, scandalo per scuola che divide i ceti borghesi da quelli bassi

Polemiche per un documento della scuola pubblica di via Trionfale a Roma

ACQUISTI

Una polemica che è entrata al centro del dibattito mediatico quella della scuola a Roma che ha pubblicato un documento di presentazione discriminante delle fasce più deboli. È stato segnalato che l’Istituto Comprensivo di via Trionfale di Roma ha pubblicato un documento di presentazione della scuola pubblica, nel quale si fa riferimento alle classi sociali per la creazione dei gruppi di studenti. Si parla di “alta borghesia” e di “ceti medi e bassi”. Questo ha fatto scattare la polemica, con l’amministrazione scolastica che si è difesa, parlando di “analisi socio-economiche”.

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha chiesto chiarimenti all’istituto scolastico: “La scuola dovrebbe favorire l’inclusione, dividere la popolazione per censo non ha senso”, queste le parole dell’esponente del Movimento 5 Stelle.

Secondo il documento della scuola si faceva riferimento a diversi edifici che erano collegati allo stesso istituto: “Nella sede di via Trionfale ci sono alunni appartenenti a ceto medio-alto, nella sede del quartiere popolare di Monte Mario ci sono alunni di estrazione sociale medio-bassa, con alunni di cittadinanza non italiana; nell’edificio di via Vallombrosa ci sono invece alunni di famiglia dell’alta borghesia, insieme ai figli dei dipendenti di queste famiglie, come colf e badanti”.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img