Libia, Haftar chiude i terminal di petrolio. Sfida all’Onu

Da leggere

Diventa un caso il bonus da 600 euro per i 5 deputati. Di Maio: “Fuori i nomi dei furbetti”

Il caso emerso questa mattina da un'indagine dell'Inps, sul bonus da 600 euro richiesto da 5 deputati,...

F1, prima vittoria di Verstappen della stagione a Silverstone. Quarto Leclerc

Max Verstappen ha vinto il Gran Premio di Silverstone, che ricordava i 70 anni della Formula 1,...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 9 agosto: nuovo aumento dei casi positivi (+463)

I dati di oggi 9 agosto sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via...

Acquisti

Le migliori Cuffie In-Ear con Cavo del 2020, guida all’acquisto

Uno dei segmenti di cuffie più ambiti e ricercati è quello "in-ear", che al suo interno ha...

Samsung Galaxy S20 e Note 20 Ultra 5G, smartphone top di gamma con fotocamera da 108MP

Oggi è stato ufficializzato il nuovo Samsung Galaxy S20 Ultra, che aggiunge nuove funzionalità al già presente...

Miglior climatizzatore senza unità esterna 2020, prezzi e confronto dei modelli

Con l'arrivo dell'estate sono iniziati gli acquisti dei climatizzatori, con un boom delle vendite per quelli senza...

Il generale Khalifa Haftar ha chiuso i terminal di petrolio in Libia, una mossa a sorpresa che non era prevista in queste modalità. Le trattative per la formazione di un nuovo Governo che potesse unire il Paese erano in atto da giorni, con la conferenza di Berlino che avrebbe dovuto essere il punto di partenza per una nuova democrazia. Secondo quanto riportano i media locali, le milizie fedeli ad Haftar hanno deciso per la chiusura dei pozzi petroliferi, che sono nella zona orientale della Libia, quella controllata dall’esercito del generale. Questa mossa potrebbe a lungo andare portare ad una crisi economica il Governo di Tripoli, che gestisce la Banca centrale, la quale condivideva con Bengasi le risorse ricavate dalla vendita di petrolio. In questo modo potrebbero non arrivare più i dollari a Tripoli per il petrolio, mettendo in difficoltà Al Serraj.

700mila barili in meno al giorno

Sono stati quantificati in 700mila barili di petrolio in meno al giorno, questa la perdita a cui si va incontro con la chiusura dei pozzi petroliferi della zona di Bengasi. A livello economico si tratta di circa 50 milioni di dollari al giorno di indotto che arriva direttamente a Tripoli.

Onu: “Conseguenze devastanti”

A pochi giorni dalla conferenza di Berlino ora l’Onu avverte Haftar che questa decisione potrebbe far cadere le possibilità di accordo con il Governo di Accordo Nazionale di Al Serraj.

SEGUICI SUI SOCIAL

4,555FansLike
2,360FollowersFollow
393FollowersFollow

Ultime notizie

Diventa un caso il bonus da 600 euro per i 5 deputati. Di Maio: “Fuori i nomi dei furbetti”

Il caso emerso questa mattina da un'indagine dell'Inps, sul bonus da 600 euro richiesto da 5 deputati,...

F1, prima vittoria di Verstappen della stagione a Silverstone. Quarto Leclerc

Max Verstappen ha vinto il Gran Premio di Silverstone, che ricordava i 70 anni della Formula 1, davanti alle due Mercedes di...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 9 agosto: nuovo aumento dei casi positivi (+463)

I dati di oggi 9 agosto sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei giorni scorsi c'è...

Autostrade, sciopero casellanti: stop oggi e domani

Oggi e domani è previsto uno sciopero nazionale dei casellanti delle autostrade, che potrebbe provocare numerose code nelle zone più trafficate della...

Altri articoli