Libia, la Francia accusa la Turchia: “Armi a Tripoli”

Macron ha accusato Erdogan di non rispettare l'accordo di Berlino

ACQUISTI

Aumenta la tensione in Libia, con l’accordo firmato alcuni giorni fa per la tregua che non sembra ancora essere in atto a pieno, con la Francia che ha accusato la Turchia di rifornire di mezzi militari la zona di Tripoli, andando contro gli accordi di non interferenza firmati a Berlino. Si tratta di invio di mezzi e di uomini, che sarebbe una chiara violazione dell’accordo firmato nella Conferenza di Berlino di alcuni giorni fa, dove si è deciso per la soluzione politica e la non interferenza di Stati stranieri.

Macron: “Erdogan non mantiene la parola”

Duro attacco del presidente francese, Emmanuel Macron, che ha attaccato il presidente turco, Erdogan, per l’invio di truppe nella zona di Tripoli, presieduta da Al Serraj. La notizia è stata confermata da militari francesi, che conferma l’invio di una nave di blindati in Libia da parte della Turchia. Il presidente francese ha parlato nella giornata di ieri, durante il ricevimento del premier greco, Kyriakos Mitsotakis, attaccando Erdogan per il comportamento della Turchia in Libia. “L’Onu ha deciso per la tregua e per l’embargo di armi in Libia”, ha dichiarato Macron.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus Lombardia, tutti i dati di oggi 22 ottobre

I dati di oggi 22 ottobre sul coronavirus in Lombardia sono stati forniti dalla Regione. Nei giorni scorsi c'è...
spot_img