Viminale, proposto il carcere per chi spaccia piccole quantità

Proposto un testo di revisione delle attuali norme sul carcere per chi spaccia

Da leggere

Napoli, chiusa “la Sonrisa”. Positivo un dipendente del Castello dopo il test

La nota struttura "La Sonrisa", il Castello per le cerimonie di Sant'Antonio Abate, è stata chiusa in...

Bonus 600 euro, Diego Sarno (PD): “Non pensavo fosse arrivato il bonus, devoluto in beneficienza”

Spunta anche un nome di un consigliere regionale del Piemonte, Diego Sarno, quota PD, che avrebbe ricevuto...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 11 agosto: altri 412 casi positivi, aumento delle terapie intensive

I dati di oggi 11 agosto sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via...

Acquisti

Le migliori Cuffie In-Ear con Cavo del 2020, guida all’acquisto

Uno dei segmenti di cuffie più ambiti e ricercati è quello "in-ear", che al suo interno ha...

Samsung Galaxy S20 e Note 20 Ultra 5G, smartphone top di gamma con fotocamera da 108MP

Oggi è stato ufficializzato il nuovo Samsung Galaxy S20 Ultra, che aggiunge nuove funzionalità al già presente...

Miglior climatizzatore senza unità esterna 2020, prezzi e confronto dei modelli

Con l'arrivo dell'estate sono iniziati gli acquisti dei climatizzatori, con un boom delle vendite per quelli senza...

Una proposta che ha iniziato a far discutere, quella al vaglio del Viminale e che sarebbe in fase di revisione, con la possibilità di far andare in carcere gli spacciatori di piccole quantità di droga. Questa proposta fa discutere chi vorrebbe la liberalizzazione delle droghe, mentre trova appoggi mediatici dalle forze politiche che sono per un controllo più severo di chi spaccia nelle città e nei paesi.

L’idea arriva dal ministro della Giustizia, Luciana Lamorgese, e dal quello della Giustizia, Alfonso Bonafede. Dal Viminale hanno lanciato l’idea di una maggiore severità sulla lotta allo spaccio di droga. Più anni di carcere per i recidivi, che vengono arrestati nuovamente dopo la liberazione per lo stesso motivo. Al testo finale sono al lavoro i tecnici dei due ministeri interessati.

Luciana Lamorgese ha ribadito il concetto durante un’intervista a Repubblica: “Si tratta di un provvedimento per superare la norma attuale, che non prevede l’arresto in caso di spaccio di droga. Ora abbiamo trovato una soluzione, per dare la custodia in carcere a chi viene arrestato durante le fasi di spaccio”.

SEGUICI SUI SOCIAL

4,555FansLike
2,360FollowersFollow
394FollowersFollow

Ultime notizie

Napoli, chiusa “la Sonrisa”. Positivo un dipendente del Castello dopo il test

La nota struttura "La Sonrisa", il Castello per le cerimonie di Sant'Antonio Abate, è stata chiusa in...

Bonus 600 euro, Diego Sarno (PD): “Non pensavo fosse arrivato il bonus, devoluto in beneficienza”

Spunta anche un nome di un consigliere regionale del Piemonte, Diego Sarno, quota PD, che avrebbe ricevuto il bonus da 600 euro,...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 11 agosto: altri 412 casi positivi, aumento delle terapie intensive

I dati di oggi 11 agosto sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei giorni scorsi c'è...

Bonus 600 euro, Garante: “Inps fornisca i nomi, privacy dei politici più debole”

Il Garante della Privacy si è espresso in merito alla pubblicazione dei dati dei parlamentari che avrebbero ottenuto il bonus da 600...

Altri articoli