Coronavirus, in quarantena due città italiane: “Restate a casa”

Sono state prese delle contromisure nella Regione Lombardia

ACQUISTI

Dopo i sei casi di contagio in poche ore nella Regione Lombardia, sono state messe in allerta tre città di provincia: Castiglione d’Adda, Codogno e Casalpusterlengo. Gli abitanti sono invitati a restare nelle loro abitazioni ed evitare contatti sociali. Inoltre il ministero ha chiarito che chi ha i sintomi da coronavirus non si deve recare in pronto soccorso, ma chiamare il 112, che valuterà la situazione ed in caso invierà una squadra di sanitari.

Da ieri è attiva una mini task force del ministero della Salute che sta operando nella Regione Lombardia. Si tratta di controllare alcune persone che sono state in contatto con le altre persone risultate positive al coronavirus.

La comunicazione è stata data dall’assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, che ha spiegato come la Regione intende far fronte ai sei casi di contagio che si sono diffusi nelle ultime ore, con il caso di Codogno.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img