Ue, ancora nessun accordo sul Bilancio Europeo

Si discute in Europa sul Bilancio europeo del 2021-2027

ACQUISTI

Non è stato trovato ancora l’accordo sul Bilancio Ue da parte dei Paesi membri dell’Unione Europea, con il premier Conte che ha rilasciato alcune dichiarazioni a riguardo in mattinata, a sostegno di una politica ambiziosa a livello economico. “Se alcuni paesi, che hanno un elevato benessere, continueranno a mantenere le loro posizioni, il compromesso è lontano”, queste le parole di Giuseppe Conte, dopo la plenaria sospesa nella giornata di ieri e con gli accordi bilaterali andati avanti per tutta la notte per il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, che tenta la mediazione.

Si tratta del Bilancio Ue che sarà disponibile dal 2021 al 2027, con i Paesi del Nord Europa che vorrebbero un contributo pari all’1% del Pil, attualmente all’1,07%, mentre altri Paesi vorrebbero un contributo maggiori. Nel passato Bilancio questo numero era all’1,16% del Pil, con la partecipazione anche del Regno Unito. Si prospetta dunque un budget inferiore sia per la percentuale più bassa, sia per l’uscita del Regno Unito, che non contribuirà più con i suoi miliardi.

I Paesi da convincere sono Austria, Danimarca, Olanda e Svezia, che vorrebbero una quota minore del Pil, con il Parlamento europeo che vorrebbe l’1,3%, mentre la Commissione ha proposto l’1,11% e Charles Michel ha proposto l’1,074%. Le richieste dei quattro Paesi sono all’1% e chiedono tagli all’agricoltura, per aumentare quelli sul Green Deal e sulla Ricerca e Difesa.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img