Palermo, arrestati due consiglieri comunali per corruzione

Arresti a Palermo per corruzione in atti pubblici

Da leggere

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 27 settembre: altri 1.766 casi positivi. Aumentano le terapie intensive

I dati di oggi 27 settembre sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via...

F1, vince Bottas in Russia. Secondo Verstappen, Hamilton non raggiunge Schumacher

Valteri Bottas ha vinto il Gran Premio di Russia, a Sochi, dopo essere partito in terza posizione,...

Pavia, bambina in coma a 14 mesi: tracce di marijuana nelle urine

Una bambina è stata portata in coma nei giorni scorsi al Policlinico San Matteo di Pavia, dove...

Acquisti

Migliore stufa elettrica 2020: prezzi e guida all’acquisto

Con l'arrivo della stagione invernale, sono molte le persone che scelgono una stufa elettrica come riscaldamento alternativo...

I migliori zaini da montagna 2020: recensioni e prezzi su Amazon

In questo periodo molte persone sfruttano la stagione per effettuare delle escursioni in montagna, ma spesso quello...

Migliori smartwatch 2020: opinioni e guida all’acquisto

Negli ultimi anni la vendita di smartwatch è aumentata in maniera esponenziale, con diversi dispositivi a seconda...

Due consiglieri comunali sono stati arrestati dal Reparto Operativo di Palermo, insieme a due funzionari del Comune, due imprenditori ed un architetto. Le accuse della Procura sono corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio e falso ideologico in atto pubblico.

Si tratta dei consiglieri Sandro Terrani, di Italia Viva, membro della Commissione Bilancio, e di Giovanni Lo Cascio, del PD, presidente della Commissione Urbanistica. Inoltre i due funzionari del Comune arrestati sono Mario Li Castri e Giuseppe Monteleone. L’architetto è Fabio Seminerio ed i due imprenditori Giovanni Lupo e Francesco La Corte, che fanno parte di BIOCASA s.r.l.

Secondo gli inquirenti ci sarebbero stati dei favori in cambio di soldi, con delle agevolazioni in ambito pubblico per degli interessi privati. L’operazione è stata denominata “Giano bifronte”, ed ha visto la partecipazione di un collaboratore di giustizia, arrestato nel dicembre 2018 per associazione mafiosa, che ha spiegato come avvenivano certi “favori”.

SEGUICI SUI SOCIAL

4,587FansLike
2,360FollowersFollow
390FollowersFollow

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 27 settembre: altri 1.766 casi positivi. Aumentano le terapie intensive

I dati di oggi 27 settembre sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via...

F1, vince Bottas in Russia. Secondo Verstappen, Hamilton non raggiunge Schumacher

Valteri Bottas ha vinto il Gran Premio di Russia, a Sochi, dopo essere partito in terza posizione, dietro Hamilton e Verstappen. Il...

Pavia, bambina in coma a 14 mesi: tracce di marijuana nelle urine

Una bambina è stata portata in coma nei giorni scorsi al Policlinico San Matteo di Pavia, dove successivamente alle analisi effettuate sono...

Pensioni, Conte: “Stop a Quota 100”. Apertura a nuove riforme

Il presidente del Consiglio, intervistato al Festival dell'Economia di Trento, ha annunciato la fine di Quota 100 dopo il triennio di sperimentazione....

Altri articoli