Coronavirus, la Repubblica Ceca si scusa per il sequestro di mascherine dirette in Italia

Il ministro si è scusato con l'Italia

ACQUISTI

Il ministro dell’Interno della Repubblica Ceca, Jan Hamacek, si è scusato con il Governo italiano per il sequestro delle mascherine dei giorni scorsi, che ha fatto molto scalpore. Si trattava di un lotto di mascherine diretto in Italia dalla Croce rossa cinese, e che si trovava in quel momento in un deposito in Repubblica Ceca, nella città di Lovosice. Il Governo ceco aveva dato ordine di sequestrare tutto il materiale sanitario sul territorio nazionale e per questo anche il lotto di mascherine dirette in Italia è stato sottoposto a sequestro.

Il ministro dell’Interno ha dato spiegazioni pubbliche sull’accaduto: “Il sequestro è stato fatto dai doganieri, che hanno effettuato il blocco di centinaia di migliaia di mascherine, da utilizzare poi in territorio nazionale per fronteggiare l’emergenza. Alcune di queste si è poi scoperto che erano destinate in Italia. Risarciremo l’Italia”. Complessivamente sono state sequestrate 680mila mascherine in tutta la Repubblica Ceca, mentre quelle destinate all’Italia erano poco più di 100mila, in arrivo da Qingtian.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 24 giugno: mille casi positivi. Altri 28 morti

I dati sul coronavirus in Italia di oggi 24 giugno sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img