FABIO STRINATI E LA CALABRIA – Una storia che nasce dal profondo.

Da leggere

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 31 maggio: +355 contagiati, ma 20 mila tamponi in meno

I dati di oggi sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Il...

Crew Dragon è arrivata sull’Iss: primo veicolo privato a farlo

La navicella spaziale Crew Dragon, realizzata dalla SpaceX di Elon Musk, è arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale,...

Film stasera in TV – 31 maggio

Questa sera ci sono diversi popolari in TV, sia sui canali Rai e Mediaset in chiaro, sia...
Andrea Palci
Laureato in Economia, esperto di politica, economia, sondaggi elettorali ed altri argomenti economici legati alla politica nazionale ed internazionale. Nato a Roma con interesse anche per scienza e spettacoli. -- via Nomentana 21 00161, Roma -- tel 393 4439344

È appena uscito il nuovo libro del poeta marchigiano Fabio Strinati, dal titolo: “La Calabria e una pagina”, pubblicato con Meligrana Editore, casa editrice di Tropea. L’intera raccolta è dedicata a Sara Picardi, poetessa, bassista dei The Spots, e graphic designer napoletana, “dallo spessore intimo, infinito e profondo, che tanto assomiglia a un albero di pèsco che tutto profuma, nel vuoto e nell’aria”.

La Calabria e una pagina

La presentazione è curata dal professor Pasquale De Luca, che scrive:

“Immaginate di camminare in affanno di pensieri per sentieri tortuosi e afosi in un’ora che vi toglie il respiro e abbiate bisogno di un po’ di frescura per ritemprare lo spirito tormentato e il corpo affaticato. Immaginate la solitudine che vi affligge e vi tormenta in una società vuota, senza l’uomo, meccanizzata, tecnologizzata, globalizzata, impiantata sulle leggi dell’economia e della finanza, del capitale assassino, che distruggono l’uomo riducendolo a numero produttivo strumentalizzato. Immaginate di voler uscire da questa gabbia di finta modernità fatta di falso benessere, appariscenza di immagini turbolente di una società in inarrestabile declino. Immaginate tutto questo in un cammino senza sbocco che non vi lasci intravvedere spiragli di luce, barlume di future prospettive, nessuna speranza. Immaginate di essere un tale pellegrino sul mondo votato alla rovina, immaginate di non avere più forze per andare avanti e proseguire il percorso sul solco della vita. Immaginate questo, quando improvviso compare allo sguardo vostro l’ombra di un giardino che si affaccia sulla via assolata e deserta. Ed è poesia”.

Fabio Strinati, con questa raccolta poetica, mette in evidenza ancora una volta tutto il suo profondo ed intimo amore per la Calabria, una porzione di terra, definita dal poeta, come:” Sterminata di splendore, a tratti, perfettamente irripetibile”.

SEGUICI SUI SOCIAL

2,562FansLike
2,358FollowersFollow
385FollowersFollow

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 31 maggio: +355 contagiati, ma 20 mila tamponi in meno

I dati di oggi sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Il...

Crew Dragon è arrivata sull’Iss: primo veicolo privato a farlo

La navicella spaziale Crew Dragon, realizzata dalla SpaceX di Elon Musk, è arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale, dopo la partenza di ieri...

Film stasera in TV – 31 maggio

Questa sera ci sono diversi popolari in TV, sia sui canali Rai e Mediaset in chiaro, sia per gli abbonati Sky che...

La Grecia riaprire i confini all’Italia, ma test per gli arrivi da quattro regioni

La Grecia ha riaperto i confini dopo le polemiche dei giorni scorsi, per non aver inserito l'Italia tra i paesi che potranno...

Roma, cade aereo ultraleggero: due morti

Un aereo ultraleggero è precipitato oggi intorno alle ore 10 vicino la scuola di volo "Crazy Fly" di Nettuno, in via Avezzano....

Altri articoli