Aumento dei prezzi, spuntano le tasse “Covid” sugli scontrini

Aumenti sul costo finale fino al 25%

ACQUISTI

C’è stato un aumento dei prezzi riscontrato negli ultimi giorni, con il 25% in più per un taglio di capelli e l’aumento del prezzo del caffé in molte città italiane, che ha raggiunto anche i 2 euro. Inoltre alcuni negozianti hanno iniziato a mettere una “tassa Covid” per le spese di sanificazione e legate al coronavirus, come la disposizione dei mezzi di protezione e dei prodotti di sanificazioni che sono forniti alla popolazione.

Questo aumento nello scontrino va da 2 a 4 euro, con una voce specifica all’interno dello scontrino, che indica la parola “Covid”. Questa tassa è stata segnalata dal Codacons dopo alcune segnalazioni che è arrivata da clienti che si sono ritrovati l’aumento sullo scontrino.

Aumento sul costo finale

Secondo quanto è stato riportato ci sarebbe un costo maggiore del 25% per i servizi come la messa in piega, che passa da 20 euro a 25 euro nelle grandi città, ma ci sarebbero anche degli aumenti maggiori di oltre 10 euro. Per alcuni esercizi commerciali è arrivato l’obbligo di avere una mascherina FFP2 e la visiera, protezioni che costano di più rispetto a quelle ordinarie e che solitamente sono utilizzate dal personale sanitario.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 24 giugno: mille casi positivi. Altri 28 morti

I dati sul coronavirus in Italia di oggi 24 giugno sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img