Pensioni minime a 1000 euro in Campania: assegni previsti il 29 maggio e 4 giugno

De Luca ha annunciato le due date per l'assegno mensile

ACQUISTI

Ha fatto molto scalpore la scelta della Regione Campania di aumentare le pensioni minime nel mese di maggio e giugno a 1.000 euro, raddoppiando così il loro valore medio. Alcune persone hanno segnalato un arrivo dell’assegno “standard” e non dell’ammontare previsto. Questo perché la Regione ha previsto due tranche di assegno, una il 29 maggio e l’altra il 4 giugno. Il prossimo 4 giugno ci sarà un assegno di integrazione, che sarà inviato via bonifico, dopo aver ricevuto la somma standard il 29 maggio.

La conferma è arrivata dallo stesso governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che ha annunciato le due date dell’accredito, per i mesi di maggio e giugno, con un doppio dell’ammontare standard, che di solito è intorno ai 500 euro. Questa misura è stata molto apprezzata dai cittadini campani, con oltre 200 mila persone che potrebbero ricevere l’assegno integrativo nei prossimi giorni.

De Luca: “Orgoglioso di aver dato una mano a 200 mila campani”

Soddisfazione per la misura del consiglio regionale, con De Luca che ha rilasciato delle dichiarazioni in merito: “La Campania ha messo circa un miliardo di euro per fare sostegno a famiglie ed imprese. Ci sarà un pagamento doppio per i pensionati al minimo. Come sapete la Regione Campania ha deciso di raddoppiare le pensioni al minimo di maggio e giugno”, queste le parole di De Luca.

Ci sarà l’accredito sui conti correnti e sui libretti postali di circa 500 euro in più. Per chi è abituato a prendere la pensione allo sportello delle Poste, l’assegno integrativo sarà ritirabile dal 4 giugno.

SEZIONI

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 24 febbraio: oltre 16 mila casi positivi. Salgono le terapie intensive

I dati sul coronavirus in Italia di oggi 24 febbraio sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...