Decreto Scuola, seduta “fiume” alla Camera per l’approvazione. Ostruzione del centrodestra

Oggi in approvazione il decreto Scuola, che deve essere convertito in legge

ACQUISTI

Il decreto Scuola deve essere approvato e convertito in legge entro la giornata di domenica, per questo è iniziata una seduta “fiume” alla Camera che dovrà portare al voto di fiducia finale. C’è l’ostruzionismo del centrodestra, che non è stato coinvolto nella discussione dal governo e per questo ora cerca di rallentare il testo, che contiene le misure per il ritorno a scuola e per la stabilizzazione dei precari, che verranno assunti senza un test a crocette, come anticipato nelle scorse settimane e voluto dal Partito Democratico.

Il decreto dovrà essere convertito, altrimenti rischia la scadenza, e nella notte è stata deliberata la seduta fiume, con a favore la maggioranza, con 99 voti a favore.

Polemiche anche per i tempi di sanificazione dell’aula, che sono stati ridotti a 40 minuti, rispetto alle tre ore che fino ad oggi sono state impiegate per la sicurezza sanitaria. Una mancata approvazione del testo nei tempi limite metterebbe in discussione il ruolo della ministra Azzolina, come richiesto dal centrodestra ed anche dal leader di Azione, Carlo Calenda.

C’è già stato il voto di fiducia, passato con 305 voti a favore e 221 voti contrari, ma ora c’è il voto finale sul decreto, come prevede il regolamento della Camera.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 24 giugno: mille casi positivi. Altri 28 morti

I dati sul coronavirus in Italia di oggi 24 giugno sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img