Cei: “Non serve nuova legge su omofobia”. Bufera sui social

La Cei ha contestato la proposta di legge in Commissione alla Camera sull'omofobia

ACQUISTI

La Cei ha preso posizione sulla nuova legge sul contrasto all’omofobia, innescando molte polemiche nell’opinione pubblica e sui social network. La nota è stata pubblicata dai canali ufficiali della Conferenza episcopale italiana: “Guardiamo con preoccupazione le proposte di legge in esame alla Commissione Giustizia alla Camera contro i reati di omotransfobia. Non sussiste alcun vuoto normativo, ma non ci sono nemmeno lacune che giustifichino l’urgenza”, queste le parole con le quali si contesta al governo una possibile nuova legge contro i reati da omofobia.

“Si vuole introdurre un reato di opinione”

“Una legge del genere rischierebbe di aprire a derive liberticide, si finirebbe col colpire la legittima opinione – ha dichiarato la Cei – si introduce un reato di opinione se si sottopone a procedimento penale ‘chi ritiene che la famiglia esiga una mamma ed un papà”. La Cei invita ad evitare le polemiche, rendendosi disponibili a un “confronto autentico”.

SEZIONI

Ultime notizie

Il senatore Vitali ci ripensa: non andrà nel gruppo dei “responsabili”.

Il senatore Luigi Vitali ha cambiato la sua posizione rispetto alla serata di ieri, quando era stato annunciato il...