Ecobonus 110%, ecco come funziona lo sconto per i lavori in casa del decreto Rilancio

Sconto del 110 per cento sugli importi dei lavori edilizi o di ristrutturazione

Da leggere

Napoli, chiusa “la Sonrisa”. Positivo un dipendente del Castello dopo il test

La nota struttura "La Sonrisa", il Castello per le cerimonie di Sant'Antonio Abate, è stata chiusa in...

Bonus 600 euro, Diego Sarno (PD): “Non pensavo fosse arrivato il bonus, devoluto in beneficienza”

Spunta anche un nome di un consigliere regionale del Piemonte, Diego Sarno, quota PD, che avrebbe ricevuto...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 11 agosto: altri 412 casi positivi, aumento delle terapie intensive

I dati di oggi 11 agosto sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via...

Acquisti

Le migliori Cuffie In-Ear con Cavo del 2020, guida all’acquisto

Uno dei segmenti di cuffie più ambiti e ricercati è quello "in-ear", che al suo interno ha...

Samsung Galaxy S20 e Note 20 Ultra 5G, smartphone top di gamma con fotocamera da 108MP

Oggi è stato ufficializzato il nuovo Samsung Galaxy S20 Ultra, che aggiunge nuove funzionalità al già presente...

Miglior climatizzatore senza unità esterna 2020, prezzi e confronto dei modelli

Con l'arrivo dell'estate sono iniziati gli acquisti dei climatizzatori, con un boom delle vendite per quelli senza...

Nel decreto Rilancio approvato e finito in Gazzetta Ufficiale nelle ultime settimane ha fatto molto scalpore l’ecobonus al 110 per cento inserito per finanziare il mondo dell’edilizia e delle ristrutturazioni. Grazie ad incentivi proposti dal Governo e che saranno a disposizione delle famiglie italiane, sarà possibile effettuare lavori per migliorare l’efficienza energetica senza pagare nulla a livello netto, utilizzando il super sconto dal 110% dell’ecobonus. Non si tratta, però, di soldi che arriveranno direttamente sul conto corrente del cittadino, o come rimborso, ma tramite una detrazione da utilizzare durante la dichiarazione dei redditi e pagare così meno tasse.

Questa misura ha finalità anche di incentivare il lavoro ed i cantieri, di conseguenza la crescita economica dell’Italia, in crisi dopo il lockdown da Covid-19 e che non sembra riprendersi del tutto con l’allentamento delle misure.

C’è il rischio che alcune aziende possano “gonfiare” i preventivi e sfruttare questa misura per incassare di più rispetto ad una situazione standard. Secondo quanto è scritto nel decreto l’impresa che ha effettuato la ristrutturazione potrà “rivendere” il credito d’imposta alle banche, riuscendo ad ottenere subito la somma.

Come funziona l’Ecobonus 2020 dal 110%

Erano già presenti degli incentivi simili per le ristrutturazioni in Italia, tra cui il bonus casa, con detrazione fino al 50% per risparmio energetico ed utilizzo di fonti rinnovabili, e gli ecobonus fino all’85% a seconda dell’intervento.

Ora si sono potenziati questi bonus con il decreto Rilancio del 19 maggio 2020, portandoli fino al 110 per cento, validi per le spese sostenute dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021. La detrazione sarà suddivisa in cinque quote annuali, dallo stesso importo.

Questi sono gli interventi che sono possibili con l’ecobonus 2020:

  • Isolamento termico: da effettuare sulle superfici opache verticali e orizzontali di un edificio. Il bonus è variabile a seconda della spesa, che non può superare i 60 mila euro, moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.
  • Sostituzioni impianti climatizzazione: da effettuare anche nelle parti comuni degli edifici. Tetto di spesa a 30 mila euro da moltiplicare per le unità immobiliari dell’edificio. Comprende anche lo smaltimento dell’impianto sostituito
  • Sostituzione impianti climatizzazione: da effettuare su edifici unifamiliari. La spesa non deve essere superiore a 30 mila euro. Comprende anche lo smaltimento.
  • Miglioramento energetico: installazione pannelli solari, finestre per il risparmio energetico e pavimenti. Deve essere svolto insieme ad uno tra isolamento termico e sostituzione impianti climatizzazione.

A chi sono destinate le detrazioni

Questi bonus possono essere richiesti da:

  • Condomini
  • Persone fisiche
  • Case popolari
  • Cooperative

Alternative alla detrazione

Per chi non volesse la detrazione fiscale, ci sono delle strade alternative alle quali si può fare affidamento:

  • Sconto in fattura: viene effettuato uno sconto sull’importo dovuto alla ditta che ha effettuato i lavori. L’impresa recupera lo sconto come credito d’imposta, potendo poi cederlo a banche per ottenere subito il finanziamento
  • Credito d’imposta: si può trasformare la detrazione in credito d’imposta, da poter poi rivendere alle banche

SEGUICI SUI SOCIAL

4,556FansLike
2,360FollowersFollow
394FollowersFollow

Ultime notizie

Napoli, chiusa “la Sonrisa”. Positivo un dipendente del Castello dopo il test

La nota struttura "La Sonrisa", il Castello per le cerimonie di Sant'Antonio Abate, è stata chiusa in...

Bonus 600 euro, Diego Sarno (PD): “Non pensavo fosse arrivato il bonus, devoluto in beneficienza”

Spunta anche un nome di un consigliere regionale del Piemonte, Diego Sarno, quota PD, che avrebbe ricevuto il bonus da 600 euro,...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 11 agosto: altri 412 casi positivi, aumento delle terapie intensive

I dati di oggi 11 agosto sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei giorni scorsi c'è...

Bonus 600 euro, Garante: “Inps fornisca i nomi, privacy dei politici più debole”

Il Garante della Privacy si è espresso in merito alla pubblicazione dei dati dei parlamentari che avrebbero ottenuto il bonus da 600...

Altri articoli