Pensioni, mini tagli alle contributive: ecco i nuovi valori dal 2021

Tagli dal prossimo anno per adeguare le stime sulla speranza di vita

ACQUISTI

Ci saranno dei mini tagli alle pensioni contributive dal 2021, per un valore che è stimato tra lo 0,3 e lo 0,7 per cento. Dal primo gennaio 2021 ci sarà una modifica ai coefficenti di trasformazione delle mensilità, che comporteranno ad un ridimensionamento delle pensioni. Questo decreto, firmato dal ministero del Lavoro, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e sarà in vigore dal prossimo anno. La causa principale di questa modifica è stato il mancato aumento della speranza di vita nel biennio 2016-2018.

Questo ha fatto rimanere il requisito anagrafico per andare in pensione di vecchiaia a 67 anni, ma con una conseguente modifica dei parametri per la trasformazione dei contributi.

Cosa comporta questo taglio?

Dal prossimo anno chi andrà in pensione, con la stessa età con la quale sarebbero andati quest’anno, riceverà una quota contributiva della pensione più “leggera”. Secondo gli esperti il taglio è minimo per chi ha il regime retributivo fino al 2011, mentre è più evidente per chi è nel regime contributivo “puro” o più “misto”.

Questa modifica è comunque prevista nella legge Dini che introdusse il regime contributivo nel 1995. I contributi versati negli anni lavorativi vanno “spalmati” sugli anni restanti di vita del pensionato, dunque se la vita media aumenta, l’importo della pensione annuale si ridurrà di conseguenza. Inoltre questo accumulo di contributi dipende anche dall’andamento del Pil nei cinque anni precedenti, questo significa che nei prossimi anni ci potrebbero essere ulteriori tagli a causa del coronavirus, che ha provocato una perdita di circa l’8% per il 2020 sul Pil.

pensioni mini tagli contributivo

Chi va in pensione prima si ritroverà un assegno inferiore rispetto a chi ha una pensione in età più avanzata. Per esempio chi il prossimo anno andrà in pensione a 57 anni avrà un coefficente pari al 4,186%, che corrisponde quasi ad una “spalmatura” in 24 anni. Questi 24 anni sono in linea con la stima di vita del pensionato dal momento in cui percepisce la pensione.

SEZIONI

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 20 gennaio: oltre 13 mila casi. Salgono i tamponi

I dati di oggi 20 gennaio sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...