Iss: “Tracce di coronavirus nelle acque di scarico di Milano e Torino a dicembre 2019”

Lo studio dimostrerebbe la presenza di coronavirus già a dicembre 2019

Da leggere

Exit Poll, Referendum: Sì al 60%. Giani in vantaggio su Ceccardi, testa a testa in Puglia

Sono usciti i primi exit poll per quanto riguarda il referendum e le elezioni regionali, con la...

Borse in rosso oggi 21 settembre, pesano rischi Covid e tensioni Usa-Cina

Le Borse di oggi 21 settembre hanno aperto in rosso, a causa della nuova ondata di casi...

Migranti, accordi con la Tunisia per i rimpatri straordinari

Sono iniziati i rimpatri straordinari con la Tunisia, con 500-600 persone al mese che saranno rimpatriate con...

Acquisti

I migliori zaini da montagna 2020: recensioni e prezzi su Amazon

In questo periodo molte persone sfruttano la stagione per effettuare delle escursioni in montagna, ma spesso quello...

Migliori smartwatch 2020: opinioni e guida all’acquisto

Negli ultimi anni la vendita di smartwatch è aumentata in maniera esponenziale, con diversi dispositivi a seconda...

Migliore lavasciuga 2020: opinioni e guida all’acquisto

Con l'avvento delle asciugatrici casalinghe qualche anno fa, il mercato è diventato denso di offerte di nuovi...

L’Istituto Superiore di Sanità ha effettuato uno studio riguardante le acque di scarico di alcune città italiane, rilevando la presenza del coronavirus in quelle di Milano e Torino, datate dicembre 2019. Nel comunicato rilasciato dall’Iss si spiega che è stato effettuato uno studio nelle scorse settimane sulle acque di scarico “antecedenti” al manifestarsi del Covid-19 in Italia.

Sono stati prelevati dei campioni da alcuni depuratori del nord Italia, datati dicembre 2019, per effettuare le analisi sul Sars-Cov-2. Lo studio è stato effettuato da Giuseppina La Rosa, che fa parte del Reparto Acqua e Salute dell’Iss, la quale ha lavorato con Elisabetta Suffredini.

“Abbiamo preso 40 campioni di acqua raccolti tra ottobre 2019 e febbraio 2020, oltre a 24 campioni di controllo da giugno 2019 a settembre 2019, per la cui data si poteva escludere la presenza di coronavirus. I risultati sono stati confermati da due laboratori diversi con differenti tecniche, confermano la presenza di RNA del coronavirus nei campioni di Milano e Torino del 18 dicembre 2019 ed in quelli di Bologna nel campione del 29 gennaio 2020”, queste le parole della ricercatrice.

Questa scoperta va nella direzione ipotizzata nelle ultime settimane da alcuni ricercatori americani, che avevano messo in correlazione le immagini satellitari degli ospedali di Wuhan nel mese di ottobre 2019 con quelle di ottobre 2018, evidenziando un maggior numero di persone. Il virus, dunque, potrebbe aver iniziato a circolare molto prima di gennaio 2020, quando l’Organizzazione mondiale della Sanità ne ha avuto conoscenza.

SEGUICI SUI SOCIAL

4,584FansLike
2,360FollowersFollow
390FollowersFollow

Ultime notizie

Exit Poll, Referendum: Sì al 60%. Giani in vantaggio su Ceccardi, testa a testa in Puglia

Sono usciti i primi exit poll per quanto riguarda il referendum e le elezioni regionali, con la...

Borse in rosso oggi 21 settembre, pesano rischi Covid e tensioni Usa-Cina

Le Borse di oggi 21 settembre hanno aperto in rosso, a causa della nuova ondata di casi da coronavirus in diversi Paesi...

Migranti, accordi con la Tunisia per i rimpatri straordinari

Sono iniziati i rimpatri straordinari con la Tunisia, con 500-600 persone al mese che saranno rimpatriate con dei voli charter. I flussi...

Spread Btp-Bund oggi 21 settembre, apertura stabile

Lo spread di oggi ha aperto in maniera stabile rispetto ai valori della scorsa settimana, mantenendosi intorno ai 146 punti base. Il...

Altri articoli