Pensioni, ultime notizie Quota 100: resta ma obiettivo superare la Fornero

Il Governo dovrà studiare una nuova riforma delle pensioni dopo Quota 100

Da leggere

Avviso di garanzia a Conte ed altri ministri per l’emergenza Coronavirus. Palazzo Chigi: “Sarà archiviato”

A seguito delle tante denunce per l'emergenza da coronavirus sono stati inviati degli avvisi di garanzia al...

Sondaggi elettorali regionali Puglia: netto vantaggio di Fitto su Emiliano

Negli ultimi giorni sono stati effettuati dei sondaggi elettorali da diversi istituti per quanto riguarda le regionali...

Vaccino russo, esperti di Nature: “Registrazione sconsiderata”

Arriva lo stop della rivista scientifica Nature al nuovo vaccino russo, annunciato nei giorni scorsi direttamente da...

Acquisti

Le migliori Cuffie In-Ear con Cavo del 2020, guida all’acquisto

Uno dei segmenti di cuffie più ambiti e ricercati è quello "in-ear", che al suo interno ha...

Samsung Galaxy S20 e Note 20 Ultra 5G, smartphone top di gamma con fotocamera da 108MP

Oggi è stato ufficializzato il nuovo Samsung Galaxy S20 Ultra, che aggiunge nuove funzionalità al già presente...

Miglior climatizzatore senza unità esterna 2020, prezzi e confronto dei modelli

Con l'arrivo dell'estate sono iniziati gli acquisti dei climatizzatori, con un boom delle vendite per quelli senza...

Nelle ultime ore c’è stato un incontro tra il Governo ed i principali sindacati Cgil-Cisl-Uil sulla riforma delle pensioni e sul futuro di Quota 100 e della riforma Fornero. Nella giornata di ieri dalle ore 11 alle 12.30 si è tenuto un incontro in videoconferenza con tema pensioni, per definire gli obiettivi da raggiungere e come arrivare nel 2022, considerato un anno chiave per le riforme pensionistiche. La Cgil aveva anche stimato un risparmio per un valore di 7 miliardi di euro complessivi sul costo inizialmente messo a bilancio per Quota 100, una cifra che può indicare come sia possibile superare la Fornero senza pesare sulle casse dello Stato.

Resta Quota 100 nel 2021

Quota 100 non è in discussione al momento, dovrebbe essere mantenuta anche nel 2021, come hanno più volte ripetuto molti esponenti del Governo. C’è da risolvere la questione legata al 2022, quando si tornerà alla riforma Fornero, con un possibile nuovo caso “esodati”, che fa riferimento alle persone che dovranno aspettare potenzialmente cinque anni in più rispetto al 2021 per andare in pensione. Difatti il meccanismo che permette la pensione anticipata con la riforma Fornero è molto più restrittivo di Quota 100 e chiede al cittadino di avere un minimo di 63 anni e 43 anni di contributi, una soglia a cui poche persone possono accedere.

Oggi con Quota 100 una persona di 62 anni con 38 anni di contributi può andare in pensione anticipata senza penalizzazione, che invece sono presenti, seppur minime, con la Fornero, pari ad un punto percentuale per ogni anno di anticipo dai 67 anni previsti dalla pensione di vecchiaia. Una persona di 63 anni che vuole andare in pensione anticipata con la Fornero riceverà una penalizzazione del 4% sull’assegno mensile, per mantenere sostenibile il sistema.

La ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha confermato la riforma Quota 100 per il 2021, che non verrà toccata e che permetterà ai cittadini di accedere alla pensione anticipata. Le critiche dell’Olanda avevano fatto pensare ad una possibile cancellazione immediata della riforma pensione, per ora esclusa dall’esecutivo.

Il tavolo del Governo

Ci si aggiornerà a settembre, con un nuovo incontro fissato per il 16 del mese, per studiare una riforma complessiva che vada a superare la Fornero e consentire un compromesso tra quel sistema e Quota 100, considerata troppo costosa per le casse dello Stato. Dal 2022 ci potrebbe essere un nuovo sistema ed una riforma ad hoc attraverso una legge-delega, che il Governo vorrebbe approvare per tempo.

La proroga di Opzione Donna

Possibile una ulteriore proroga di Opzione Donna, che va avanti di rinnovi annuali ma che è molto ben accolta dai cittadini, con l’istituzione anche di associazioni di cittadini, come quella del CODS (Comitato Opzione Donna Social) di Orietta Armiliato, che da anni chiede definizione in maniera strutturale della riforma pensioni Opzione Donna, che permette di andare in pensione per le donne con 59 anni di età e 35 anni di contributi.

SEGUICI SUI SOCIAL

4,555FansLike
2,360FollowersFollow
394FollowersFollow

Ultime notizie

Avviso di garanzia a Conte ed altri ministri per l’emergenza Coronavirus. Palazzo Chigi: “Sarà archiviato”

A seguito delle tante denunce per l'emergenza da coronavirus sono stati inviati degli avvisi di garanzia al...

Sondaggi elettorali regionali Puglia: netto vantaggio di Fitto su Emiliano

Negli ultimi giorni sono stati effettuati dei sondaggi elettorali da diversi istituti per quanto riguarda le regionali in Puglia, alcuni di rilevanza...

Vaccino russo, esperti di Nature: “Registrazione sconsiderata”

Arriva lo stop della rivista scientifica Nature al nuovo vaccino russo, annunciato nei giorni scorsi direttamente da Vladimir Putin e subito soggetto...

Valmalenco, frana travolge auto: tre morti, bambino in gravi condizioni

C'è stata una frana a Chiesa Valmalenco, con il coinvolgimento di due auto diverse. I morti sono una coppia, una donna di...

Altri articoli