Beirut, scoppiano le proteste dei cittadini: scontri con la polizia

Proteste nella notte a Beirut

ACQUISTI

Nella notte sono andati avanti scontri con la polizia a Beirut, la capitale del Libano che nei giorni scorsi è stata vittima di un’enorme esplosione vicino al porto, che ha devastato una zona dal raggio di chilometri, provocando oltre 130 morti e 250 mila sfollati.

Le proteste sono iniziate dopo la visita del presidente francese Emmanuel Macron, che aveva incontrato il presidente del Libano, non amato dai cittadini

A tarda serata alcuni manifestanti hanno iniziato a lanciare sassi e pietre contro la polizia, mentre a Beirut è stato arrestato il direttore del porto, a causa della malagestione dello stoccaggio, con un’inchiesta ancora in atto per appurare responsabilità. Nella zona dell’esplosione erano presenti migliaia di tonnellate di nitrato di ammonio, che ha fatto da detonatore. Sono stati arrestati anche 16 funzionari del porto. Le 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio sono rimaste nel porto per sei anni.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Xiaomi Mi 11 Lite in offerta su Amazon: prezzo abbassato del 20%

Nelle ultime ore è stato messo in offerta lampo su Amazon lo smartphone Xiaomi Mi 11 Lite, con uno...
spot_img