L’Italia ha fatto richiesta per il fondo SURE alla Commissione Europea per 28,5 miliardi

L'Italia ha fatto richiesta per il fondo SURE

ACQUISTI

L’Italia ha richiesto l’attivazione del fondo SURE all’Unione Europea per 28,5 miliardi di euro. La lettera con la quale si richiede l’accesso al fondo SURE (Support to mitigate Unemployment Risks in an Emergency) è stata inviata dal ministro Gualtieri e dalla ministra Catalfo, rispettivamente dell’Economia e del Lavoro. Lo strumento è stato creato dalla Commissione europea a supporto dei Paesi con il rischio maggiore per la disoccupazione, con un totale di 100 miliardi, da richiedere in prestito, messi a disposizione per chi ne avesse fatto richiesta. Al momento l’Italia, insieme a Spagna e Grecia, ha i livelli di disoccupazione più alti in Europa, con i rischi legati alla cassa integrazione ed il blocco licenziamenti che vedranno i loro effetti solo nei prossimi mesi.

La lettera era indirizzata ai commissari Dombrovskis, Gentiloni, Schmit e Hahn, con la richiesta di poter utilizzare 28,492 miliardi di euro, a sostegno delle misure già messe in campo nei mesi scorsi ed anche nel decreto Agosto appena approvato. Infatti nel testo sono stati messi altri 10 miliardi di euro sulla cassa integrazione.

“Il governo per far fronte alla crisi economica generata dal mese di febbraio a causa del virus, ha messo a disposizione misure di sostegno che scadranno alla fine del mese e che saranno prolungate”, queste le parole dei ministri italiani nella lettera.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 20 giugno: meno di mille casi. Calo dei morti

I dati di oggi 20 giugno sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img