Ue, presentato il fondo Sure per il lavoro: all’Italia 24,7 miliardi in prestiti agevolati

Soddisfazione del Commissario agli Affari Economici, Paolo Gentiloni

ACQUISTI

L’Italia riceverà la fetta più ampia per il fondo Sure, il sostegno economico dell’Ue per il mercato del lavoro. La Commissione europea ha presentato la sua proposta al Consiglio europeo, per un totale di supporto finanziario di 81,4 miliardi di euro, da corrispondere a 15 Paesi, con l’Italia che prenderà la somma più alta.

Una volta che il Consiglio europeo avrà approvato il fondo, gli aiuti arriveranno sotto la forma di prestiti agevolati, cioè con lo stesso meccanismo del Mes. Si tratta infatti di una misura simile al Mes, ma dedicata al mondo del lavoro e al contrasto della disoccupazione. L’Italia potrebbe utilizzare questi fondi per pagare la cassa integrazione erogata quest’anno, risparmiando gli interessi sui soldi da prendere in prestito, stimabile in circa 200 milioni di euro l’anno, sul totale di 24,7 miliardi.

Oggi l’Italia paga di interessi sul debito a dieci anni l’1%, utilizzando questo fondo ad interesse zero risparmierebbe l’1% all’anno sui 20 miliardi. L’Italia aveva presentato una richiesta per il fondo Sure nei giorni scorsi, per un totale di 28,5 miliardi di euro, a firma di Gualtieri e Catalfo, rispettivamente ministri dell’Economia e del Lavoro.

Gli altri Paesi

La Spagna riceverà 21,3 miliardi di euro, il Belgio 7,8 miliardi di euro, anche se fino a oggi paga interessi negativi dunque è poco probabile faccia richiesta.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 11 maggio: quasi 7 mila casi. Aumentano i tamponi

I dati di oggi 11 maggio sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img