Nobel per la Fisica a Penrose, Genzel e Ghez per la scoperta sui buchi neri

Assegnato il premio Nobel per la Fisica del 2020

ACQUISTI

Il Nobel per la Fisica è andato a Roger Penrose, il fisico britannico che ha ottenuto la metà del riconoscimento “per la scoperta che la formazione dei buchi neri era prevista dalla teoria generale della relatività”, mentre l’altra metà al tedesco Reinhard Genzel e all’americana Andrea Ghez “per la scoperta di un oggetto supermassiccio al centro della galassia”.

Penrose ha 89 anni ed è professore emerito di Matematica a Oxford, e nel 1965 fornì degli strumenti matematici per calcolare quello che veniva detto dalla teoria della Relatività. “Einstein ha dato un quadro teorico, ma considerava la matematica troppo complessa. Nel 1965 Penrose formulò nuovi strumenti matematici con i quali dimostrò che la formazione dei buchi neri era una conseguenza della Relatività generale”, questa la spiegazione del Nobel.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus nel mondo oggi 21 giugno, salgono i casi in Regno Unito

Sono in crescita i casi in Regno Unito, con l'arrivo della variante Delta come è stato annunciato nelle ultime...
spot_img