Congo, Attanasio e Iacovacci uccisi mentre tentavano la fuga

Ascoltati dei testimoni che erano presenti durante l'attentato

ACQUISTI

Sull’attentato in Congo avvenuto lo scorso 22 febbraio, che ha portato alla morte dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, sono emersi nuovi dettagli nelle ultime ore, dopo gli interrogatori ai testimoni.

I testimoni sono stati ascoltati dai Ros su delega del Procuratore di Roma, Michele Prestipino.

Una delle persone che è stata sentita è Rocco Leone, vicedirettore Pam in Congo, che era presente durante l’attentato ed è riuscito a salvarsi. L’uomo è stato ascoltato nell’ambasciata di Kinshasa.

Secondo quanto riportati i due italiani sono stati uccisi durante un tentativo di fuga. I ranger sono intervenuti in maniera rapida verso il luogo degli spari, con il carabiniere Iacovacci che ha tentato di portare al riparo dagli spari l’ambasciatore, ma sono rimasti colpiti entrambi.

Gli attentatori quando hanno visto il tentativo di fuga dei due italiani hanno cercato di colpirli con degli spari.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 17 maggio: 3 mila casi positivi. Calo dei tamponi

I dati di oggi 17 maggio sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img