Contratto di espansione 2021: come funziona e come andare in pensione a 62 anni

Il Governo inserirà nel decreto Sostegni bis i "contratti di espansione"

ACQUISTI

Il Governo sta lavorando ad una riforma delle pensioni che preveda l’utilizzo dei cosiddetti “contratti di espansione”, che verranno già inseriti nel decreto Sostegni bis in approvazione la prossima settimana. Inoltre è possibile che vengano resi strutturali come riforma delle pensioni dal 2022, anno nel quale verrà interrotta Quota 100 e si rischia di creare uno scalone di cinque anni per chi dovrà utilizzare la Legge Fornero per il pre-pensionamento.

Contratto di espansione: cos’è?

Il contratto di espansione è stato introdotto nel 2019 dal decreto Crescita, tramite una sperimentazione che prevede una cassa integrazione straordinaria per chi ne fa richiesta. Inizialmente è stato destinato a imprese con un elevato numero di dipendenti (maggiore di 500), tramite degli accordi con i sindacati e legati a piani di riorganizzazione.

Chi aderisce al contratto di espansione ottiene delle agevolazioni contributive per i piani di assunzione legati alle uscite previste in maniera volontaria (per le imprese con più di 250 dipendenti).

Nella legge di Bilancio 2021 era stato prorogato anche per quest’anno con i parametri attualmente in vigore.

Il decreto Sostegni bis andrà ad introdurre delle modifiche alla legge iniziale per i contratti di espansione, con l’ampiamento della platea di imprese che ne potranno usufruire, andando ad abbassare la soglia per l’utilizzo a 100 dipendenti. Tutte le imprese con più di 100 dipendenti potranno utilizzare i contratti di espansione per i lavoratori più anziani che vogliono andare in pensione anticipata.

Chi può aderire al contratto di espansione

Lo scivolo pensionistico è destinato ai lavoratori che si trovano a non più di 60 mesi (5 anni) dalla pensione anagrafica o anche anticipata.

Per esempio chi dovrebbe andare in pensione a 67 con la Legge Fornero, con il contratto di espansione potrebbe andare in pensione anticipata a 62 anni, la stessa che attualmente garantisce Quota 100.

L’azienda si impegna a versare al lavoratore un’indennità mensile, pari al trattamento pensionistico lordo maturato dalla persona. A questa somma va tolta l’indennità di Naspi che il lavoratore avrebbe percepito come disoccupazione, per tutti i mesi nei quali avrebbe avuto diritto.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus nel mondo oggi 19 settembre, salgono i casi negli Stati Uniti

Sono in crescita i casi positivi negli Stati Uniti, a causa della variante Delta, con 43 milioni di contagiati...
spot_img