Cattivo umore? Ecco cosa devi mangiare

Se siamo tutti legati al concetto di felicità, trasmessa da varie condizioni mentali ma anche da situazioni di vita personale, soddisfazioni lavorative e tutto il resto, è stato oramai dimostrato in modo piuttosto importante quanto è fondamentale anche l’apporto nutrizionale per la maggior parte delle condizioni di vita, che passa indubbiamente dal cibo. Tutti siamo stati per brevi o larghi tratti di cattivo umore, condizione che è anche determinata da una condizione metabolica e nutrizionale che si rispecchia ampiamente anche nei nutrienti come le vitamine ma non solo, quindi è importante capire cosa mangiare.

Infatti la scienza che è impegnata anche nell’ambito alimentare pone una grande attenzione proprio su questo ambito ed identifica nella maggior parte dei casi eventi e situazioni che possono migliorare con i cibi giusti, o con l’integrazione corretta.

Quali sono le migliori vitamine per contrastare il cattivo umore, e portarci ad una condizione mediamente positiva?

Sei di cattivo umore? Ecco quali nutrienti possono aiutarti (e dove si trovano)

Cattivo umore vitamine

Cos’è l’umore? Difficile definirlo con una sola parola, si identifica con questa parola specifica lo stato d’animo che viene naturalmente considerato in un mix di motivazioni, situazioni fisiologiche ma anche portate avanti dai concetti ormonali e cerebrali oltre che da fattori psicosociali e ambientali.

Se è difficile controllare l’umore, a tratti impossibile, sicuramente con uno stile di vita concepito apposta sulla nostra forma di ritmo di vita si possono ottenere dei validissimi aiuti in modo tale da corrispondere un vero e proprio aiuto contro il cattivo umore, che è ovviamente qualcosa di debilitante da ogni punto di vista.

Esistono varie vitamine e nutrienti che hanno una buona influenza sul nostro apparato celebrale e nervoso, ma non solo, a partire da alcuni amminoacidi come triptofano, necessario per la sintesi della serotonina (detto anche l’ormone del buonumore), che si trova nei legumi come fagioli e ceci, ma anche nei latte e latticini (quindi derivati) oltre che in varie tipologie di pesce azzurro e non solo. Importante anche l’apporto presente nelle uova ed in vari vegetali come cavoli, gli asparagi, i fagiolini, la lattuga.

Per migliorare il buonumore è necessario fare una buona incetta di vitamina B12 e vitamina B6. Se la prima si trova in praticamente ogni forma di alimento di origine animale (quindi qualsiasi tipo di carne o pesce ma anche latte e derivati) la B6 si trova in ottime quantità nei cereali integrali oltre che in varietà ittiche come il salmone, negli spinaci, nelle patate e nei legumi. 

POTREBBE INTERESSARTI
Cambia impostazioni privacy