Traffico online: per quali ragioni può calare?

Il traffico online rappresenta una delle metriche chiave per comprendere il successo di un sito web. Un suo declino potrebbe essere un segnale che suggerisce di agire con misure appropriate su alcune delle impostazioni tecniche del sito o sui propri contenuti.

Il traffico online di un sito web può diminuire per una serie di motivi, che per comodità possono essere suddivisi principalmente in due categorie: tecniche e comunicative.

Le cause tecniche includono problemi di prestazioni del sito, aggiornamenti non ottimali, errori di codifica o di configurazione del server. D’altra parte, le ragioni comunicative possono riguardare la mancanza di contenuti rilevanti o interessanti per il pubblico (in merito è interessante l’articolo di Lorenzo Pinna, esperto di esperienza utente, in cui si chiarisce cos’è la user engagement), una strategia di marketing inefficace o un design poco intuitivo dell’interfaccia.

La buona notizia è che ci sono molti dati che aiutano a individuare le cause del calo, la maggior parte delle quali è sotto il controllo diretto dei proprietari del sito.

Vediamo dunque come capire il motivo del declino del proprio sito web e anche come agire per riuscire a risolvere questa problematica.

Cosa verificare prima di risolvere eventuali problematiche del sito web

Prima di iniziare a indagare sulle cause del calo, è necessario assicurarsi che gli strumenti di misurazione funzionino correttamente. Potrebbe infatti accadere che il traffico sia in realtà stabile ma che i dati raccolti siano incompleti o inesatti.

A seconda degli strumenti utilizzati, questi potrebbero non essere operativi. Ad esempio, una modifica al sito potrebbe aver causato l’interruzione del tracciamento di Google Analytics, o un plugin potrebbe essere stato disattivato o richiedere un aggiornamento.

Google Analytics, insieme a Google Search Console, rappresenta lo standard per monitorare il traffico web. Pertanto, è essenziale controllare che siano impostati correttamente e che forniscano dati accurati, senza notifiche di errore o avvisi critici.

Valutazione del calo di traffico del sito

Dopo aver verificato l’efficacia degli strumenti di misurazione, è il momento di osservare le tendenze del traffico nel tempo. Si consiglia di tornare indietro almeno di un mese, meglio ancora 3-6 mesi, per comprendere meglio i cambiamenti nella curva del traffico.

Se il calo fosse improvviso e netto, potrebbe essere indicativo di un problema grave, come la perdita di un backlink importante o una penalità da parte di Google.

Bisogna poi capire se si tratta di un declino netto o costante. Se si trattasse di un declino costante è possibile che ci sia un problema cronico che richiede una strategia specifica per essere affrontato.

Esaminare dettagliatamente le metriche del traffico, come le fonti di traffico, i nuovi vs. i visitatori di ritorno, e il traffico da dispositivi mobili, è essenziale infine per comprendere quali possono essere i motivi del declino.

14 possibili ragioni del declino del traffico

Una volta effettuata l’analisi preliminare, si può procedere a valutare le possibili ragioni dietro al calo del traffico online. Le principali situazioni che possono portare a un calo di traffico sono:

  • Campagne PPC Interrotte: interrompere una campagna PPC (Pay-Per-Click) può causare un calo del traffico a pagamento e, di conseguenza, di quello organico.
  • Backlink persi: la perdita di backlink di qualità può influire drasticamente sulle visite al sito.
  • Contenuti rilevanti rimossi: eliminare contenuti rilevanti può ridurre il traffico proveniente dai motori di ricerca.
  • Problemi tecnici da modifiche recenti: temi, plugin o strumenti di terze parti potrebbero aver causato interruzioni nel sito, influendo negativamente sulle visite.
  • Mancanza di promozione dei contenuti: interrompere la condivisione sui social media o altre piattaforme può portare a una riduzione del traffico da quelle fonti.
  • Mancanza di aggiornamenti dei contenuti: l’assenza di aggiornamenti periodici può causare un calo del traffico organico.
  • Non pubblicare nuovi contenuti regolarmente: non produrre nuovi contenuti può ridurre il valore percepito del sito e l’opportunità per Google di indicizzare nuove pagine.
  • Problemi di progettazione/UX: cambiare il design o l’esperienza utente (UX) può confondere i visitatori abituali, portando a una riduzione delle visite.
  • Alta frequenza di rimbalzo e bassi tassi di conversione: un’alta frequenza di rimbalzo segnala che il sito non soddisfa le aspettative dei visitatori.
  • Aggiornamenti di Google: gli aggiornamenti degli algoritmi di Google possono influenzare significativamente le posizioni nelle SERP (Search Engine Results Page).
  • Sanzioni di Google: le penalità manuali o automatiche possono avere un impatto devastante sul traffico organico.
  • Modifiche dell’hosting o limitazioni: cambiare provider di hosting può influenzare la velocità del sito e la sua capacità di gestire il traffico.
  • Concorrenti: l’ascesa di un nuovo concorrente può sottrarre visitatori, soprattutto se si posiziona meglio nei motori di ricerca.
  • Backlink tossici: i backlink di bassa qualità possono penalizzare il sito e compromettere il suo posizionamento.

Un calo del traffico online può essere dovuto a molteplici fattori, interni o esterni. Una diagnosi accurata, partendo dal controllo degli strumenti di misurazione e passando per l’analisi dettagliata delle metriche, è essenziale per identificare la causa e adottare le giuste contromisure.

L’obiettivo è comprendere se il calo è temporaneo, stagionale o cronico, e stabilire una strategia per invertire la tendenza. Attraverso un’analisi attenta dei dati, il traffico può essere ripristinato e persino migliorato, riuscendo a far crescere il proprio sito in modo adeguato nel corso del tempo.

POTREBBE INTERESSARTI
Cambia impostazioni privacy