Rovereto: cosa vedere in un giorno

Sei per qualche ora a Rovereto e ti stai chiedendo cosa vedere in un giorno? Rovereto è la seconda città della Provincia Autonoma di Trento per numero di abitanti. Spesso chiamata “L’Atene del Trentino”, “Città della Quercia” o “Città della Pace”, è il centro della Vallagarina e si caratterizza per una storia ricca di commistioni culturali e architettoniche, e per una vivacissima vita sociale, culturale e artistica. Essendo la città di piccole dimensioni, qualche ora a Rovereto è già sufficiente per scoprirne i diversi aspetti. Ecco quindi il programma top per una visita di un giorno

Cosa vedere a Rovereto in un giorno: gli imperdibili

Il nostro programma inizia dalla stazione dei treni. Partendo da qui, percorri tutto Corso Rosmini, affascinante via centrale lunga esattamente un chilometro, fino all’omonima piazza, nucleo della città, dove è ospitato Palazzo del Ben, magnifico ed elegante edificio neorinascimentale completamente raffrescato e recentemente ristrutturato. Da qui procedi sulla destra su Via Orefici fino a Piazza Battisti, dove potrai osservare la caratteristica fontana di Nettuno. Proprio in questa piazza ti consigliamo di visitare la Torrefazione Bontadi.

Rovereto e il caffè: CoBo, museo del caffè di Bontadi

Bontadi, fondata nel 1790, è la più antica torrefazione di caffè italiana e custodisce a Rovereto, nel Museo CoBo, i segreti di questo affascinante mestiere. Visitando questa piccola ma preziosa collezione, potrai scoprire tutti gli sviluppi tecnologici degli ultimi 200 anni e tutte le fasi della produzione del caffè. Al termine della visita, potrai inoltre gustare un eccellente caffè nel rinomato bar Bontadi adiacente.

A questo punto, ti consigliamo di proseguire la passeggiata nel centro storico lungo Via Mercerie e passando per Piazza Erbe. Nel tragitto passeggerai tra le vie del mercato e del commercio della città, trovando numerosi negozi caratteristici e arrivando infine ai piedi del Castello di Rovereto: qui è d’obbligo una breve sosta per visitare il Museo Storico Italiano della Guerra.

Cosa fare a Rovereto in un giorno: visita al Museo Storico Italiano della Guerra

Non è possibile visitare Rovereto senza vedere il Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto, uno dei più importanti musei d’Italia e d’Europa dedicati alla memoria dei conflitti bellici. Fondato nel 1921, il museo ospita un’ampia e pregiatissima collezione di reperti, tra cui armi, uniformi, documenti, fotografie e cimeli militari.

Visitando le mostre permanenti e temporanee che illustrano la storia militare italiana e internazionale, avrai la possibilità di scoprire le esperienze dei soldati e delle popolazioni civili durante tutti i conflitti del Novecento, e in particolare durante la Prima Guerra Mondiale, che in queste zone ha trovato uno dei suoi principali scenari. Il museo non solo conserva testimonianze storiche, ma promuove anche la riflessione sui temi della pace e della guerra: visitando le sue sale, avrai infatti la possibilità di immergerti in un percorso educativo e emotivo, arricchito da spazi interattivi e multimediali.

Visitato il Castello, ti consigliamo di percorrere a ritroso la strada dell’andata, deviando però verso la Torre Civica del 1519. Edificata durante il periodo di dominazione veneziana, questa torre si caratterizza per un bellissimo affresco rappresentante il Leone di San Marco. Una volta pranzato in uno dei tipici localini del centro, è il momento di visitare la più famosa attrazione culturale della città: il Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Rovereto (il celebre MART).

Rovereto e l’arte: il MART

Il MART è uno dei principali centri culturali italiani dedicati all’arte del XX e XXI secolo. Inaugurato nel 1987, il museo si distingue per la sua architettura moderna e innovativa, progettata dall’architetto Mario Botta in collaborazione con Giulio Andreolli. La struttura, con la sua iconica cupola in vetro e acciaio, è diventata un simbolo della città.

Il MART ospita una vasta collezione permanente che comprende opere di artisti italiani e internazionali, tra cui Depero, Balla, Morandi, e Fontana, solo per citarne alcuni. Le collezioni spaziano dal Futurismo all’Arte Povera, dal Novecento Italiano all’arte contemporanea, offrendo una panoramica esaustiva delle principali correnti artistiche del secolo scorso.

Oltre alle collezioni permanenti, il MART organizza numerose mostre temporanee, eventi culturali, laboratori e conferenze: un luogo dinamico e in continua evoluzione. Il museo ospita inoltre la Biblioteca Civica Tartarotti (uno delle più grandi in Italia), è dotato di una proprio biblioteca specializzata, di un archivio e di spazi per la ricerca: strutture che lo rendono un punto di riferimento per studiosi e appassionati d’arte.

Visitando il MART, potrai quindi immergersi in un’esperienza culturale completa, dove l’arte dialoga con l’architettura e la storia, offrendoti un viaggio attraverso le espressioni artistiche più significative degli ultimi due secoli.

Rovereto da vedere e da bere: l’ora dell’aperitivo

Rapito dal MART, quando uscirai sarà sicuramente l’ora dell’aperitivo. Se la tua visita a Rovereto avviene d’estate, perché non rilassarti in un bar all’ombra delle elaborate fontane di una delle caratteristiche piazzette della città? Se invece la tua visita avviene tra fine novembre e il periodo natalizio, ti consigliamo di fare una passeggiata tra le bancarelle dei mercatini di Natale, che riempiono le vie e le piazzette con luci scintillanti, regalini e prelibatezze tipiche.

D’estate o d’inverno, dopo uno spritz o un vin brulé, è comunque il momento di trovare un posto per la cena, dove assaggiare i tipici canederli allo speck o degli ottimi strangolapreti con burro e salvia, e per il meritato riposo. A questo proposito, ti consigliamo di alloggiare in uno dei pregiati alberghi storici del centro o, per un soggiorno più low cost e dinamico, nel curato e accogliente Ostello di Rovereto.

Cosa vedere a Rovereto in un giorno lo sai, non ti resta che partire!

POTREBBE INTERESSARTI
Cambia impostazioni privacy