Reddito di cittadinanza, avviso dell’Inps: “Inviate le integrazioni o ci sarà lo stop”

L'Inps ha inviato oltre 500mila SMS per avvisare chi aveva presentato la domanda a marzo che rischia di perdere l'assegno senza integrazione

Da leggere

Tirrenia ha ripristinato i traghetti verso Sardegna, Sicilia e isole Tremiti

La compagnia Tirrenia ha ripristinato le tratte verso Sardegna, Sicilia ed isole Tremiti. Raggiunto l'accordo con i...

Coronavirus, verso il milione di casi nel mondo. Oltre 200mila negli USA

Aumentano i casi di coronavirus nel mondo, arrivando vicino al milione di casi positivi dall'inizio dell'epidemia. Gli...

Coronavirus, Filippine: “Sparate a chi viola la quarantena”

Una dichiarazione pubblica che sta facendo discutere, quella del presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, che ha invitato...
Andrea Palci
Laureato in Economia, esperto di politica, economia, sondaggi elettorali ed altri argomenti economici legati alla politica nazionale ed internazionale. Nato a Roma con interesse anche per scienza e spettacoli. -- via Nomentana 21 00161, Roma -- tel 393 4439344

SEGUICI SUI SOCIAL

1,889FansLike
2,293FollowersFollow
361FollowersFollow

L’Inps ha inviato un avviso tramite SMS ai percettori di Reddito di cittadinanza che avevano presentato la domanda prima della stesura del decreto attuativo, con il Governo che aveva concesso in deroga la validità dei documenti presentati per sei mesi, dopo i quali sarebbe stata necessaria l’integrazione della documentazione. Nell’SMS l’istituto di previdenza invita i percettori del Reddito di cittadinanza ad integrare i documenti richiesti, altrimenti avverrà lo stop all’erogazione dell’assegno mensile. Un vero e proprio ultimatum, al quale l’Inps è stata costretta visto l’alto numero di persone che rientrano in questo bacino di utenti: mezzo milione di persone aveva presentato in anticipo la richiesta, con i “paletti” per il Reddito di cittadinanza che non erano ancora stati definiti del tutto. Il modello da utilizzare per richiedere il Reddito di cittadinanza era stato pubblicato lo scorso 6 marzo 2019, ma successivamente era stato cambiato il 2 aprile 2019, il quale conteneva le modifiche che erano state apportate con i decreti attuativi. Per evitare che migliaia di cittadini dovessero tornare ai CAF od all’Inps, il Governo concesse sei mesi di deroga, quindi fino a settembre.

Cosa devono fare i cittadini che hanno presentato la domanda a marzo

Chi ha presentato la domanda per il Reddito di cittadinanza prima dell’entrata in vigore dei decreti attuativi, deve presentare entro il 21 ottobre 2019 la documentazione richiesta in integrazione a quella già presentata e sulla quale è stata definita l’accettazione dell’assegno.

L’Inps ha inviato oltre 500mila SMS per avvisare i cittadini ed indicare le modalità con le quali presentare l’integrazione. Il cittadino dovrà accedere a questo indirizzo e presentare la nuova autocertificazione. Al momento sono arrivare 114mila integrazioni. Nel link riportato non servirà un PIN per accedere, come accade di consueto con i servizi Inps. L’integrazione è necessaria per ottenere, qualora il diritto permanga, l’assegno di ottobre e la data del 21 è l’ultima utile per consentire un tempo di elaborazione all’Inps in tempo per effettuare il pagamento mensile.

SEGUICI SUI SOCIAL

1,889FansLike
2,293FollowersFollow
361FollowersFollow

Ultime notizie

Tirrenia ha ripristinato i traghetti verso Sardegna, Sicilia e isole Tremiti

La compagnia Tirrenia ha ripristinato le tratte verso Sardegna, Sicilia ed isole Tremiti. Raggiunto l'accordo con i...

Coronavirus, verso il milione di casi nel mondo. Oltre 200mila negli USA

Aumentano i casi di coronavirus nel mondo, arrivando vicino al milione di casi positivi dall'inizio dell'epidemia. Gli Stati Uniti sono il paese...

Coronavirus, Filippine: “Sparate a chi viola la quarantena”

Una dichiarazione pubblica che sta facendo discutere, quella del presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, che ha invitato a punire chi violerà la...

Spread Btp-Bund oggi 2 aprile: sopra i 200 punti base

Lo spread Btp-Bund ha aperto sopra i 200 punti base nella giornata di oggi 2 aprile, in rialzo rispetto ai giorni scorsi....

Von der Leyen: “L’Europa è con voi”

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è tornata sulla questione dell'Europa e della gestione del coronavirus. Ha scritto una...
realizzazione siti web economici wolfseo

Altri articoli