Egitto, Zaky resta in carcere: respinto ricorso

Respinto il ricorso per la scarcerazione di Patrick Zaky

ACQUISTI

Il ricorso degli avvocati di Patrick Zaky in Egitto è stato respinto e per questo dovrà rimanere in carcere in attesa di nuove prove come misura cautelare per ulteriori 15 giorni. Il caso è diventato mediatico per alcune similarità con il caso Regeni, anche se in questo caso la presa in custodia è stata subito documentata ed accertata da parte della polizia egiziana.

Nei giorni scorsi alcune associazioni avevano parlato di possibili torture in carcere, poi smentite dallo stesso Zaky quando ha avuto la possibilità di parlare con gli avvocati ed i suoi familiari. Il ragazzo è stato spostato in un altro carcere, durante il quale è stato immortalato dai media, che si sono iniziati ad interessare alla sua causa. Lo studente dell’Università di Bologna, con origini egiziani, ha dichiarato di stare bene a livello fisico.

Ora bisognerà attendere il supplemento di indagine da parte delle autorità egiziane, che hanno accusato lo studente di “sovversione” e di potenziale tentativo di sovvertire il regime, a causa di alcuni post su Facebook del ragazzo.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img